Diario
Audio & Video

Primo giorno il filmato della partenza
[Real Media - 300 KB]

Apri video
 


i giorni precedenti
Dom 14/3 (7° tappa)
Sab 13/3 (6° tappa)
Ven 12/3 (5° tappa)
Giov 11/3 (4° tappa)
Merc 10/3 (3° tappa)
Mart 9/3 (2° tappa)
Lun 8/3 (1° tappa)
 

 

Per visualizzare i filmati è consigliato l'uso di

Scarica Real Player One gratuito

 


Diario di Viaggio: Oggi
LUNEDI 8 MARZO: Prima tappa!

Sono scattate con un urlo liberatorio, alle 13 e 15 ora locale, in piedi sulle loro Specialized Hardrock rosse e bianche. E’ partita così lunedì 8 marzo, a TINERHIR, 10 chilometri a sud delle Gole del Todra, a circa 1.300 metri di altitudine, la seconda edizione della massacrante "Women Desert Ride".

E' Emanuela Misciglia, ideatrice e organizzatrice dell’evento assieme a Giuseppe Lupatelli, a dare il benvenuto alle ragazze che via via scendevano dal pullmann che le aveva portate da Casablanca a QUARZAZATE, la "porta del deserto", per il trasferimento dall’aeroporto allo start della prima tappa: Benvenute in Africa, urla Emanuela mentre le ragazze, gli occhi accecati dal sole del deserto, fanno fatica a mettere a fuoco quel paesaggio lunare che stanno per affrontare: 60 chilometri di sabbia e pietrisco sotto il sole battente.

Gli ultimi controlli alle mountain bike, un'abbondante dose di crema solare a protezione totale, poi il via. E subito le ragazze si rendono conto che non sarà una passeggiata.
Tenere il passo sulla sabbia, dribblando i ciotoli acuminati, non è impresa facile. Una decina di forature impreviste, riparate in corsa dal meccanico che segue il gruppo delle Women Desert Riders, rallentano parecchio l'andatura sfilacciando via via il gruppone che si è distribuito su 5-6 chilometri di lunghezza.

In testa, a battere la pista, un Land Cruiser Toyota con a bordo il team mediatico-tecnologico, Giuseppe Lupatelli e Andrea Marchi, il tecnico delle trasmissioni via Gprs di immagini e video. In coda il mezzo "scopa", a chiudere il gruppo: un Land Rover Defender 110 con a bordo il medico, la dottoressa Simonetta Sandri.

Gli altri mezzi di appoggio, l'altro Defender e l’altro Toyota, faticano parecchio per controllare, andando avanti e indietro, tutto il gruppo che si stava muovendo verso il primo campo base. A bordo la troupe televisiva di Riccardo Truffarelli e i meccanici delle bici costretti ad intervenire più volte durante la prima tappa a causa delle difficili condizioni del terreno che mettono a durissima prova i pneumatici e anche la scioltezza delle Women Riders.

I due camion Unimog Mercedes (già ampiamente testati nella Parigi Dakar), e il Daily invece, precedono il gruppo: due portano al campo base a sud ovest di Goulmina gli effetti personali delle Women Riders e il team addetto alla bonifica del terreno (scorpioni e pietrisco hanno costretto ad un superlavoro il team) prima del montaggio delle 22 tende e delle 4 docce, l’altro porta il team del catering nei villagi per acquistare il pane fresco – cotto dai locali nei caratteristici forni sottoterra – e altro cibo per la cena.

Le ragazze, nel frattempo, fanno i conti con i 35 gradi del deserto e con un percorso che si mostra, via via, più disagevole e insidioso del previsto. A farne le spese la più giovane partecipante, Federica, studentessa siciliana di 19 anni, che vola dalla bike con un perfetto 360°: molta paura ma nessun danno per la Woman Rider subito soccorsa dalla dottoressa Sandri.

Alle 17 i primi arrivi al primo campo base, una ventina di chilometri a sud ovest di Goulmina. Un'ora più tardi, con l’arrivo delle ultime Women Riders il gruppo si ricompone. Il Roadbook riporta 52 chilometri già gettati dietro le spalle.

"E' stato un giorno fisicamente molto pesante – dice Emanuela Misciglia – Ben più difficile della precedente edizione in Tunisia. Quei 52 chilometri, tutti di pietre e sabbia, li abbiamo sentiti sulle gambe. Ma è stato bellissimo: abbiamo attraversato villaggi, con i bambini che ci correvano accanto scalzi saltellando, abbiamo visto montagne di terra e pietra rossa e viola. E poi piccole oasi…".

Una delle ragazze, Sandra di Brescia, ha la febbre altissima. Per lo stress, spiega il medico. Che le pratica immediatamente un iniezione. Il giorno dopo sarà già pronta a risalire sulla bike.

Il tempo di riparare i mezzi, mentre il cuoco iniziava a preparare la cena, che la temperatura è già crollata verticalmente con quell'escursione termica tipica delle zone desertiche: dai 35 gradi del giorno agli 8 gradi della sera. Troppo freddo per potersi permettere una, sia pur veloce, doccia.
Il consueto briefing per fare il punto della giornata appena trascorsa e per mettere a fuoco la tappa successiva lascia presto spazio alla cena, finalmente tutti assieme: pasta, insalata di pomodori, gulasch con piselli, cioccolato e caffè.

Qualche chiacchiera, le prime impressioni di un'esperienza che, comunque, lascia il segno, mentre i tecnici delle trasmissioni fanno partire via Gprs le prime immagini della Women Desert Ride verso l'Italia. Ma la fatica si fa presto sentire. Le ragazze s'infilano, una dopo l'altra, nelle tende. Gli autisti locali si sdraiano sui sedili delle jeep. I 4 ragazzi di Airzoone addetti alla sicurezza, invece, dormono all'aperto, nei sacchi a pelo ma con un tetto di stelle.

Alle 21 e 30 già il campo, a mille metri d'altezza, è completamente immerso nel silenzio. Anche se il sonno tarda ad arrivare: "la fatica è stata tanta – spiega Emanuela – quand'è così è difficile riuscire subito a dormire".