Diario








i giorni precedenti
Dom 14/3 (7° tappa)
Sab 13/3 (6° tappa)
Ven 12/3 (5° tappa)
Giov 11/3 (4° tappa)
Merc 10/3 (3° tappa)
Mart 9/3 (2° tappa)
Lun 8/3 (1° tappa)
 

 

Per visualizzare i filmati è consigliato l'uso di

Scarica Real Player One gratuito

 

 


Diario di Viaggio: Oggi
MERCOLEDI 10 MARZO: Terza tappa!

"La mountain bike nel deserto ha una tecnica tutta sua, particolare. La differenza con le moto? Queste donne mangiano come come cavallette!" Pascal Rosolen, 40 anni, diverse Parigi-Dakar alle spalle, anche come navigatore del mitico Edi Oroli, cerca un raffronto con le sue esperienze nel deserto. Al seguito della Women Desert Ride cura la logistica per Airzoone.

Sono le 6 del mattino. E mentre le ragazze fanno colazione e i meccanici preparano le biciclette per la terza tappa – qualche decina hanno i pneumatici bucati, altre riportano, visibili, i segni delle cadute – fa il punto della situazione: "Il caldo è arrivato un po' in anticipo qui in Marocco rispetto ai tempi previsti. E la sabbia ha questo problema: si altera con il caldo. Per questo le ragazze stanno incontrando più difficoltà del dovuto. Anche se, devo dire, le affrontano comunque molto cariche".

Ma c'è dell’altro: "Le piogge, cadute un po’ di tempo fa, possono crearci altri problemi costringendoci a cambiare, improvvisamente, percorso. Nel deserto è così: una pioggia può portarsi via diversi chilometri di pista".

Alle 8, riparate le forature, riaggiustati cambi e cerchioni, richiuse tende e zaini, caricati i camion, finalmente si parte. Ma basta un chilometro o poco più per rendersi conto di quanto Pascal Rosolen conosca bene il "suo" deserto. Le piogge hanno effettivamente cancellato la pista. Che finisce nel nulla.

Un veloce briefing, poi la decisione. Si va avanti tutti insieme, Women Riders e jeep, come un solo gruppo, cercando la pista con i ricevitori Gps. Non c’è altro modo.

Per sedici chilometri il gruppo della Women Desert Ride è costretto a pedalare compatto, "blindato" dalle 4 jeep, una davanti, una dietro, due ai lati, per comprimere la sabbia coi pneumatici e ricostruire il percorso.
Si va avanti lentamente "battendo" i punti con i Gps.
Lo strano corteo procede così attraversando un grande lago asciutto. Una crosta di fango secco sotto alla quale si avverte la sabbia bagnata che cede.
Bisogna tenersi al centro. Ai lati, quel fango secco inganna. Basta sbagliare traiettoria e si finisce in una vera e propria trappola di fango. Sabbie mobili dentro alle quali si affonda fino alla vita.

Finalmente la pista riappare. Le jeep si scostano lasciando campo libero alle Women Riders. Che scattano, libere, sui pedali. E la spedizione torna a sfaldarsi. Si viaggia in piccoli gruppetti. La sicurezza non consente di andarsene da soli. Soprattutto quando si attraversano i villaggi.
Dai gruppi di bambini arrivano, ora, sassate, sputi, perfino calci sulle Women Riders. Un po’ per gioco, un po’ rubare le borracce infilate nelle tasche sulla schiena.

"Sono inconvenienti che accadono – spiega Emanuela - quando ci sono gli adulti, vicino ai bambini, non c’è problema. Ma quando sono soli ti inseguono, cercano di farti cadere. E' molto pericoloso. Io stessa sono stata gettata a terra. Ho spaccato il cambio, ho storto un cerchione e mi sono fatta male ad un ginocchio. Fa parte del gioco…".

Ma i problemi non sono solo questi. Il terzo giorno è sempre il più critico per la disidratazione. E infatti alcune ragazze accusano qualche crisi.
"Le ragazze sono state bravissime hanno bevuto e mangiato secondo raccomandazioni – spiega il medico Simonetta Sandri che segue il gruppo (l’altro, il nutrizionista Antonio Benetti è stato costretto forzatamente a Pordenone da un intervento d’urgenza già superato) - Non ci sono state grosse crisi di disidratazione né ipoglicemiche".

L'alimentazione è stata ben curata da Benetti e dal catering, gli spuntini frequenti hanno evitato problemi. Nessun problema di crampi, né insolazioni o colpi di calore. Abbiamo registrato solo uno-due episodi di gastroenterite dovuti, più che altro, al caldo. Uno dei meccanici ha avuto una puntata febbrile subito risolta. L'unico problema serio sono le ulcerazioni e le piaghe del sottosella. Molte ragazze hanno dovuto far ricorso alle cure. Qualcuna anche per le escoriazioni dovute alle cadute. Ma poi sono subito ripartite, pronte e determinate a tornare in sella.

E poi c'è il problema delle forature. Alla fine della tappa si conteranno sessanta camere d'aria cambiate. Molte più del previsto. E, infatti, le camere d'aria iniziano a scarseggiare. Ne restano solo cento ancora intatte. Fra un po' toccherà iniziare a ripararle.
Le pietre, grossissime, che le ragazze incontrano sulla pista mettono a dura prova l’equilibrio. Ed è ancora peggio quando bisogna attraversare a tutta velocita gli Oued, i fiumi in secca: con le scarpette saldamente agganciate ai pedali, bisogna scendere a tutta velocità lungo l’argine, tutto in fuorisella, facendo lo slalom tra i grossi sassi. E poi risalire l’argine, altrettanto velocemente, dalla parte opposta.

Quando oramai mancano otto chilometri all'arrivo e, alle spalle, le ragazze se non sono lasciati 52, ecco la sabbia. Di nuovo: rapporti leggeri per tenere fuori i pneumatici da quella trappola. Ma quando, alla fine affondi, non c’è nulla da fare. Scendi e spingi perché non puoi risalire.
E' l’ultima fatica. Ma ha un senso. Una volta arrivati al campo base, i sassi enormi, la sabbia, le cadute, diventano subito un ricordo.

Lo spettacolo è stupefacente. Le tende sono racchiuse in una posizione bellissima: una grande pianura a cerchio circondata da dune regolari, come un disegno che si ripete.

"C'è stato un tramonto da urlo tra due duneracconta Emanuela elettrizzata - Le ragazze prese dall’euforia del momento hanno iniziato a tirarsi l’acqua. C’era un cielo pazzesco con migliaia di stelle. I ragazzi avevano già montato le tende. Ci hanno fatto questo “regalo”. C’era un atmosfera stranissima nel campo, forse per la location, spettacolare, quasi da film. Forse per quella sensazione che hai quando, con la fatica che ti arriva addosso, gli zuccheri “impazziscono” e la gente inizia un po’ a barellare e dice cose senza senso…".

Il freddo della notte desertica arriva presto. Le docce, congelate, consigliano di non attardarsi troppo. Il briefing si conclude veloce con la lettura del Roadbook della tappa successiva. Poi la cena: pasta con il sugo di tonno, pezzi di formaggio stagionato, grana, carne in scatola e tonno in scatola, zucchine ripassate in padella, pomodori e cetrioli, cioccolata e caffè. La tappa è stata durissima. E si vede dalle ragazze che si ripresentano, più volte, davanti al cuoco con la gavetta in mano.

Alle 21 e 30 tra le tende messe a cerchio, una accanto all’altra, regna già il silenzio. Qualcuno ancora fa fatica a dormire. E nel buio gelido del deserto cerca di immaginare cosa lo aspetterà, laggiù, domani.